21.5.06

Luciano, Brindellone, Greppo, Popposchi e Gigi

COSI’ LA JUVE FREGO’ L’INTER IL 5 MAGGIO 2002
by Er gò de Turone,

3 maggio 2002, ore 19,44

MOGGI: Hey Brindellone alto, domenica vincete facile, complimenti!
FACCHETTI: Ma la smetti di chiamarmi Brindellone? E poi domenica sì, credo sia il nostro giorno, grazie per i complimenti!
MOGGI: Dai Brindellone, alla fine ve lo siete meritato. A proposito: posso chiederti un ultimo favore a noi sconfitti?
FACCHETTI: Certo Luciano, dimmi pure. Meritate l'onore delle armi. Chiedi.
MOGGI: Grazie Brindellone sei un amico e un grande dirigente: senti, siccome noi della Gea vorremmo affiliare quel terzino sinistro, quel Greppo..
FACCHETTI: Gresko, Luciano, si chiama Gresko.
MOGGI Ecco Brindellone, siccome noi della Gea vorremmo affiliare quel Greppo, non è che potreste metterlo in campo domenica all'Olimpico? Così si mette in mostra nel giorno dello scudetto e l'anno prossimo varrà molto di più. A proposito, complimenti per lo scudetto in arrivo e per l'acquisto di Greppo, gran giocatore.
FACCHETTI: Ma certo, lo dico subito a Cuper. E i tuoi complimenti mi fanno immenso piacere. In fondo sei un avversario onesto. Magari un giorno lavoreremo insieme. Sai che il presidente ti stima.
MOGGI: grazie Brindellone, mi piacerebbe molto lavorare con voi. E mi raccomando per Greppo... Bravi per lo scudetto!

4 maggio 2002, ore 15,13:

MOGGI: Hey Gigi, ma chi mi hai mandato a Roma?
PAIRETTO: Va De Santis, tranquillo.
MOGGI: Ma quale De Santis: io qui vedo Paparesta.
PAIRETTO: cavolo allora De Santis dev'essere stato male, non lo sapevo, ora mi informo. Intanto la Ferrari? Quando arriva?
MOGGI: Hey Gigi falla finita di prendermi per il c... Qua gli arbitri si sentono sempre tutti male. Allora devo far cambiare ricette a mia moglie, De Santis ieri era a cena qui e stava benissimo. Quando è stato male? Stanotte? La Ferrari tutto a posto, tranquillo.
PAIRETTO: Dai Luciano ora mi informo, davvero, scusami. E poi dai che anche Paparesta è dei nostri.
MOGGI: Guarda te lo auguro. Sennò niente Ferrari.
PAIRETTO: Vedrai che domenica va tutto bene. Tu pensa a sentire Facchetti..
MOGGI: E chi è Facchetti?
PAIRETTO: Dai il Brindellone alto. E mi raccomando la Ferrari. MOGGI: AH, Brindellone alto. Tutto a posto. Gioca Greppo.
La Ferrai la avrai domenica sera.

4 Maggio, ore 21.30:

MOGGI: Hey Pobboschi, sono Moggi.
POBORSKI: Salve direttore, come mai mi chiama?
MOGGI: Era tanto tempo che volevo dirti una cosa: mi sei sempre piaciuto come giocatore. Molto meglio di Pavel. Sei un grande.
POBORSKI: non lo sapevo Direttore, due anni fa potevate prendermi gratis e avete preferito Esnaider..
MOGGI: Credimi, eri troppo forte per quella Juve.

Se giochi come sai, mi sa che ti faccio un quinquennale miliardario e ti faccio conoscere una segretaria pazzesca che sta in FIGC.

continua nei commenti.....

4 comments:

davide said...

a masini! ma cosa mi linki? mi si è infettato il computer.. che schifo! mi tocca formattare tutto qua... appestati! untori! gobbi maledetti! mi è venuta l'orticaria all'apertura della pagina.. e in più che è? pretendevi mi iscrivessi a quel sito di merda?

maso.c said...

porcavacca porcatroia lo hanno tolto!
era bellissimo, non firmare nulla nei siti gobbi che di sti tenpi di arriva direttamente un avviso di garanzia

maso.c said...

MOGGI: Hey Brindellone alto, domenica vincete facile, complimenti!
FACCHETTI: Ma la smetti di chiamarmi Brindellone? E poi domenica sì, credo sia il nostro giorno, grazie per i complimenti!
MOGGI: Dai Brindellone, alla fine ve lo siete meritato. A proposito: posso chiederti un ultimo favore a noi sconfitti?
FACCHETTI: Certo Luciano, dimmi pure. Meritate l'onore delle armi. Chiedi.
MOGGI: Grazie Brindellone sei un amico e un grande dirigente: senti, siccome noi della Gea vorremmo affiliare quel terzino sinistro, quel Greppo..
FACCHETTI: Gresko, Luciano, si chiama Gresko.
MOGGI Ecco Brindellone, siccome noi della Gea vorremmo affiliare quel Greppo, non è che potreste metterlo in campo domenica all'Olimpico? Così si mette in mostra nel giorno dello scudetto e l'anno prossimo varrà molto di più. A proposito, complimenti per lo scudetto in arrivo e per l'acquisto di Greppo, gran giocatore.
FACCHETTI: Ma certo, lo dico subito a Cuper. E i tuoi complimenti mi fanno immenso piacere. In fondo sei un avversario onesto. Magari un giorno lavoreremo insieme. Sai che il presidente ti stima.
MOGGI: grazie Brindellone, mi piacerebbe molto lavorare con voi. E mi raccomando per Greppo... Bravi per lo scudetto!

4 maggio 2002, ore 15,13:

MOGGI: Hey Gigi, ma chi mi hai mandato a Roma?
PAIRETTO: Va De Santis, tranquillo.
MOGGI: Ma quale De Santis: io qui vedo Paparesta.
PAIRETTO: cavolo allora De Santis dev'essere stato male, non lo sapevo, ora mi informo. Intanto la Ferrari? Quando arriva?
MOGGI: Hey Gigi falla finita di prendermi per il c... Qua gli arbitri si sentono sempre tutti male. Allora devo far cambiare ricette a mia moglie, De Santis ieri era a cena qui e stava benissimo. Quando è stato male? Stanotte? La Ferrari tutto a posto, tranquillo.
PAIRETTO: Dai Luciano ora mi informo, davvero, scusami. E poi dai che anche Paparesta è dei nostri.
MOGGI: Guarda te lo auguro. Sennò niente Ferrari.
PAIRETTO: Vedrai che domenica va tutto bene. Tu pensa a sentire Facchetti..
MOGGI: E chi è Facchetti?
PAIRETTO: Dai il Brindellone alto. E mi raccomando la Ferrari. MOGGI: AH, Brindellone alto. Tutto a posto. Gioca Greppo.
La Ferrai la avrai domenica sera.


4 Maggio, ore 21.30:

MOGGI: Hey Pobboschi, sono Moggi.
POBORSKI: Salve direttore, come mai mi chiama?
MOGGI: Era tanto tempo che volevo dirti una cosa: mi sei sempre piaciuto come giocatore. Molto meglio di Pavel. Sei un grande.
POBORSKI: non lo sapevo Direttore, due anni fa potevate prendermi gratis e avete preferito Esnaider..
MOGGI: Credimi, eri troppo forte per quella Juve. Domani vengo a vederti. Se giochi come sai, mi sa che ti faccio un quinquennale miliardario e ti faccio conoscere una segretaria pazzesca che sta in FIGC.
POBORSKI: Mister grazie, sono commosso. Ho 32 anni, un quinquennale miliardario, la Juve, la segretaria. Domani ce la metto tutta.
MOGGI: te lo meriti. Vai a dormire, preparati!


4 maggio 2002, ore 23.30.
MOGGI: Hey Greppo che combini?
GRESKO: Salve Direttore mi chiamo Gresko, non Greppo. Stavo dormendo, sa, mi ha detto Facchetti che domani gioco
MOGGI:CHi è Facchetti?
GRESKO: IL brindellone alto, direttore!
MOGGI: Domani giochi? Bravo, vedi che sei forte? Ho detto a Poborski di non impegnarsi, tutto a posto. Vai tranquillo. E poi hai anche Recoba sulla fascia che ti aiuta.
GRESKO: Io e Recoba a difendere la fascia? Andrà tutto bene. Grazie per l'augurio, Direttore, è una persona per bene.
MOGGI: Senti Greppo, un'altra cosa. Io sono lì vicino al vostro ritiro, ora. Sono con una segretaria pazzesca della FIGC che stravede per gli slovacchi. Vorrebbe conoscerti, ora.
GRESKO: Certo direttore, me la mandi ora. Tanto domani c'è anche il Chino che mi aiuta sulla fascia. Grazie ancora, e vada a dormire. Per me la notte comincia ora!!! Yuppiiiii!!!
MOGGI: Notte Greppo. Fammela divertire, mi raccomando.


5 maggio, ore 13.30:
MOGGI: HEy Giraudo tutto a posto. Gioca Greppo, Pobboschi è scatenato, e Gigi ci manda Paparesta che è d'accordo.
GIRAUDO: Se Paparesta è sveglio non espelle Gresko e ce lo lascia in campo tutta la partita.


5 maggio, ore 15.52: Intervallo delle partite..
MOGGI: Hey Cragnotti lo sai che sei davvero una persona per bene?
CRAGNOTTI: Grazie Direttore, ma oggi mi sa che facciamo vincere l'Inter, sa, siamo gemellati... e mi ha chiamato Facchetti..
MOGGI: Chi è Facchetti?
CRAGNOTTI: Dai Luciano, è il Brindellone, quello alto. Dice se li aiutiamo. Siamo d'accordo. Ma non riusciamo a farli vincere... C'è Poborski che sembra rinato e Gresko che dorme su quella fascia.
MOGGI: Cragnotti, sei davvero un grande. E poi credo che tu non voglia che io dica tutto sui guai che hai combinato, sai, la Cirio, ecc. E di quella notte con la segretaria della FIGC. Vero? Sono tutte cose che il Brindellone non sa, ma io sì.
CRAGNOTTI: Sai che ora che ci penso noi se vinciamo andiamo in UEFA direttamente? Mi hai convinto Luciano! Ci sentiamo dopo. E salutami quella segretaria, non era niente male.



5 MAGGIO, ore 17,32

MOGGI: Gigi, abbiamo vinto!!!!!!!
PAIRETTO: Trionfoooo!!!! Juve, Juve!!! Io di te non mi stanco sei la cosa più bella che c'è: alessandro del piero alè!
MOGGI: Grande Gigi, ora ti saluto, ci sentiamo l'anno prossimo: mi raccomando, mandami Pieri al Berlusconi.
PAIRETTO: ma che te frega ora dell'arbitro del Berlusconi? Comunque Luciano, forza Juve, e... non per essere invadente ma.... la Ferrari?
MOGGI? Ha vinto, ha vinto anche Schumacher. Addio.


5 MAGGIO, ora 18.21

FACCHETTI: Gresko ma che c..., hai fatto? sembravi addormentato caz.., ma hai dormito stanotte? Sembri ubriaco, ma ti sei rincogl...?
GRESKO: scusi Brindellone, è vero, non sono stato all'altezza..
FACCHETTI: scusami Gresko come mi hai chiamato?
GRESKO: Ehhmmm... Presidentissimo Facchetti, mi pare.
FACCHETTI: no, mi hai chiamato Brindellone. Come mi chiama sempre quel maledetto... ma quindi... hai parlato con lui... quindi.... ora capisco.... ecco chi era......... quella donna che entrata stanotte... la solita segretaria, quella di Ceccarini! nooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo!!!!!!!!

massimo said...

Ciao carletto
ho girato la richiesta ad un mio amico qua che fa' il montatore per documentari e gestisce un cineforum: e' una saletta con 5 poltrone, sembra ridicola ma e' veramente bello!!!!
poi ti faro' sapere......parto da qua il 6. ciao e salutami Brindellone, Geppo, popposchi Gigi e :"Moggi interrogato 5 ore, piange
"Io ero contro i poteri forti" "